Enjin si unisce al Global Compact delle Nazioni Unite (UNGC) per contribuire a plasmare un futuro di criptovaluta sostenibile

Enjin si unisce al Global Compact delle Nazioni Unite (UNGC) per contribuire a plasmare un futuro di criptovaluta sostenibile

Enjin, la piattaforma blockchain per NFT, è diventata la prima azienda NFT ad essere accettata nel Global Compact delle Nazioni Unite, la più grande iniziativa al mondo di responsabilità sociale d'impresa e sviluppo sostenibile.

I marchi uniscono le forze per fare la differenza

Alla guida della lotta contro l'inquinamento indotto dalle criptovalute, Enjin, la principale piattaforma NFT, ha contribuito enormemente a rendere l'ecosistema NFT più rispettoso dell'ambiente. Aggiungendo un'altra pietra miliare alla sua lista di successi, Enjin è diventata la prima società NFT ad essere accettata nel Patto globale delle Nazioni Unite (UNGC).

Aderendo all'iniziativa, Enjin sottolinea il suo impegno ad allineare le sue attività operative ai dieci principi dell'UNGC che riguardano i diritti umani, i rapporti di lavoro, la lotta alla corruzione e la protezione dell'ambiente. Con una forte attenzione alla collaborazione con altre aziende e organizzazioni che lavorano per il Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (OSS), Enjin si unisce a migliaia di altre aziende impegnate a rendere il mondo un posto migliore. 

Irakli Beridze, Head, Center for AI and Robotics, UNICRI, United Nations, ha dichiarato: "Siamo entusiasti di lavorare con Enjin per esplorare come blockchain e NFT possono contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Mentre stiamo lottando per riprenderci dalla pandemia globale e dai suoi impatti, stiamo vivendo una crescita esponenziale di tecnologie come l'intelligenza artificiale e la blockchain. Più che mai, dobbiamo sfruttare e sfruttare il potenziale di queste nuove tecnologie per assicurarci di essere meglio attrezzati e più uniti in futuro, al fine di rendere il nostro pianeta un luogo più vivibile ed equo per tutti».

Costruire un ecosistema blockchain a emissioni zero

Poiché l'impatto ambientale della blockchain rimane un argomento molto dibattuto, Enjin ha dimostrato ai critici che l'industria può crescere in modi sostenibili e rispettosi dell'ambiente. La piattaforma fa già parte del Accordo sul clima crittografico, che mira a ridurre la vasta impronta di carbonio della criptovaluta e dell'industria blockchain. 

Oltre a questi sforzi, Enjin ha rivelato che la sua blockchain JumpNet è a emissioni zero. Le credenziali ecologiche di JumpNet sono impressionanti, dato che consuma il 99.99% in meno di elettricità rispetto alla blockchain di Ethereum. 

Ha inoltre stretto una partnership con Beyond Neutral per compensare più carbonio utilizzando i crediti di carbonio dell'azienda. Inoltre, l'iniziativa JumpNet di Enjin supporta direttamente anche il Principio 9 dell'UNGC, che si concentra sull'"incoraggiare lo sviluppo e la diffusione di tecnologie rispettose dell'ambiente".

Il CEO di Enjin Maxim Blagov aggiunge: “In Enjin, stiamo sviluppando un ecosistema sostenibile per creare un futuro migliore utilizzando NFT. L'adesione al Global Compact delle Nazioni Unite riafferma il nostro impegno a migliorare la vita delle persone attraverso la tecnologia blockchain e garantirà che questi sforzi siano sostenibili, mirati e ottimizzati, tenendoci responsabili nei confronti del pubblico lungo il percorso.

Contribuendo ulteriormente alla causa globale della sostenibilità, Enjin mira a rendere JumpNet ed Efinity, la prossima paracatena Polkadot di Enjin, 100% carbon neutral entro il 2030. La società esplorerà anche altri casi d'uso di NFT per supportare le missioni di sostenibilità e uguaglianza delle Nazioni Unite sviluppando nuovi funzionalità, come l'accesso senza autorizzazione oltre i confini per aiutare i creatori globali a riunirsi e beneficiare del settore in crescita.

Dichiarazione di non responsabilità: questo articolo viene fornito solo a scopo informativo. Non è offerto o destinato a essere utilizzato come consulenza legale, fiscale, di investimento, finanziaria o di altro tipo.

Leggi l'articolo:  Celsius Network acquisisce la società Cybersec GK8

Ogni trader che fa trading di criptovaluta sull'exchange Binance vuole sapere dell'imminente pumping nel valore delle monete al fine di realizzare enormi profitti in un breve periodo di tempo.
Questo articolo contiene istruzioni su come scoprire quando e quale moneta parteciperà al prossimo”Pump”. Ogni giorno, la comunità su Canale di Telegram Crypto Pump Signals for Binance Segnali per Binance pubblica 3-4 segnali gratuiti sull'imminente "Pump” e rapporti di successo “Pumps” che sono stati completati con successo dagli organizzatori della comunità VIP.
Questi segnali di trading aiutano a guadagnare dal 5% al 45% di profitto in poche ore dall'acquisto delle monete pubblicate sul canale Telegram”Crypto Pump Signals for Binance Segnali per Binance”. Stai già realizzando un profitto utilizzando questi segnali di trading? In caso contrario, provalo! Ti auguriamo buona fortuna nel trading di criptovalute e desideriamo ricevere lo stesso profitto degli utenti VIP di Crypto Pump Signals for Binance Segnali per il canale Binance.
John Lesley/ autore dell'articolo

John Lesley è un trader esperto specializzato in analisi tecniche e previsioni del mercato delle criptovalute. Ha oltre 10 anni di esperienza con una vasta gamma di mercati e asset - valute, indici e materie prime. John è l'autore di argomenti popolari sui principali forum con milioni di visualizzazioni e lavora sia come analista che come trader professionista sia per i clienti che per lui stesso.

Lascia un Commento